Advertisement
The Body: The Complete HIV/AIDS Resource
Follow Us Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter Download Our App
Professionals >> Visit The Body PROThe Body en Espanol
   
Domandare agli Esperti di

Vivere con l'HIVVivere con l'HIV
          
Rollover images to visit our other forums!
Risposte RecentiRisposte per CategoriaFare una Domanda
  
  • Email Email
  • Glossary Glossary


Stima del rischio
Aug 28, 2013

Salve dottor Natterstad.

Nella mia vita ho avuto molti rapporti sessuali, la maggior parte eterosessuali (70-80%) ma qualcuno omosessuale (20-30%).

In quasi tutti i casi ho usato il preservativo, anche nei rapporti orali. Tuttavia, facendo mente locale ci sono 5 eventi in cui la protezione non è stata totale. I primi 4 mi preoccupano di meno, ma il quinto invece è la fonte delle mie preoccupazioni.

I primi 4 sono:

evento 1: ho eseguito cunnilingus ad una ragazza abbastanza promiscua, che però pretendeva il preservativo nei rapporti di penetrazione evento 2: di nuovo, ho eseguito cunnilingus ad un'altra ragazza abbastanza promiscua, che anche lei pretendeva il preservativo nella penetrazione evento 3: ho eseguito fellatio passiva per 5-10 secondi ad un uomo senza eiaculazione evento 4: ho eseguito fellatio passiva per 10-15 secondi ad un uomo senza eiaculazione

ed ecco l'evento che mi preoccupa maggiormente:

evento 5: prima, ho eseguito fellatio passiva senza eiaculazione per 1-2 minuti ad un uomo (in realtà non c'era neanche erezione perchè l'uomo non era giovanissimo), poi per un periodo di circa 20 secondi ho eseguito penetrazione attiva senza preservativo. In questi 20 secondi la penetrazione è stata parziale (non ho inserito tutto), molto debole (non ho usato molta forza perchè sapevo che stavo facendo un errore) ed anche lubricata.

Inoltre sono PARZIALMENTE circonciso e non ho mai sofferto di ulcere al pene.

Fermo restando che prima o poi farò un test (sto aspettando il coraggio e la serenità perché non voglio farlo in un momento di stress, ma in un momento di relax in cui so che accoglierei serenamente qualunque esito), alla luce di tutta la mia storia

Thomas

P.S. chiaramente da quando ho preso maggiore coscienza dell'HIV ho cambiato enormemente il mio stile di vita sessuale. ho smesso di andare con altri uomini (non ho niente contro gli omosessuali, semplicemente mi piacciono + le donne e posso fare a meno di avere rapporti con uomini se lo decido), uso preservativi iper-spessi per penetrazioni vaginali ed uso preservativi al gusto di frutta quando le ragazze mi praticano la fellatio, inoltre controllo sempre se ho ferite nella bocca o sulle dita ed evito baci alla francese e masturbazione della ragazza quando ci sono. questo è sia per proteggermi completamente in caso io sia negativo, sia per proteggere completamente la ragazza in caso io sia positivo. Mi piacerebbe avere una macchina del tempo ed iniziare da prima ad avere questi comportamenti, che se tutte le persone sul pianeta avrebbero, probabilmente potremmo eliminare l'HIV senza aspettare la cura. Ma purtroppo quel che è fatto è fatto.

P.P.S. che possibilità ci sono che entro il 2020 / 2030 avremmo una cura definitiva? siccome ho ancora 26 anni, questo sarebbe di grande aiuto per farmi il test, siccome vedrei un futuro, una famiglia e una vita senza virus anche se risultassi positivo. tutto sommato l'idea di dover prendere retrovirali solo per 5-10 anni non sarebbe terribile.

P.P.P.S non so se lei è madrelingua italiano, se non lo è veramente complimenti per la sua padronanza. avrei potuto scriverle in inglese, ma vista la sua padronanza ho preferito l'italiano.

Risposta da Dr. Natterstad

Caro Thomas,

Il punto centrale è che hai avuto un' esposizione rischiosa -- sesso anale senza protezione. Tuttavia, il rischio è relativo per I fatti seguenti:

1. Eri il partner attivo.

2. La penetrazione è stata "parziale" e di durata breve.

3. Non è stata traumatica.

4. Non sai il sierostatus del tuo partner.

Anche se il rischio è basso, non è inesistente. Per questo, dovrai fare un test di anticorpi, come un Elisa, tre mesi dopo l'esposizione, per avere un risultato definitivo. Questo periodo di tre mesi si chiama il periodo-finestra perché ci possono volere fino a tre mesi, prima che il test diventi positivo. Comunque la grande maggioranza di prove diventa positiva dopo quattro o sei settimane.

Riguardo alla possibilità di una cura "entro il 2020/2030", naturalmente nessuno lo sa. Però un vaccino o una cura sono più all'orizzonte di prima -- forse una cura entro un decennio. Secondo me la migliore strategia oggi per tenere a freno questa pandemia è curare il maggior numero di persone infettate a livello mondiale. Il trattamento antiretrovirale non solamente permette ai sieropositivi di vivere una vita più lunga e di qualità più superiore ma diminuisce marcatamente la trasmissione del virus.

Infine, grazie, Thomas, per i complimenti. No, non sono madrelingua italiano. Tuttavia, come te, preferisco l'italiano.

Buona fortuna. Un abbraccio da San Francisco.

Dr. Steve



  
  • Email Email
  • Glossary Glossary

 Per ricevere comunicazione attraverso email quando questo forum sarà aggiornato o per abbonare con RSS


 
 
Advertisement




Q&A TERMS OF USE

This forum is designed for educational purposes only, and experts are not rendering medical, mental health, legal or other professional advice or services. If you have or suspect you may have a medical, mental health, legal or other problem that requires advice, consult your own caregiver, attorney or other qualified professional.

Experts appearing on this page are independent and are solely responsible for editing and fact-checking their material. Neither TheBody.com nor any advertiser is the publisher or speaker of posted visitors' questions or the experts' material.

Review our complete terms of use and copyright notice.

Powered by ExpertViewpoint

Advertisement